logo indipendenza

“Oggi abbiamo inviato una lettera al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per chiedere il suo intervento istituzionale affinché vengano fermate le norme liberticide contenute nella conversione in legge del decreto elettorale.

Ci riferiamo in particolare all’emendamento fatto approvare da Fratelli d’Italia che restringe drasticamente le esenzioni dall’obbligo di raccogliere le firme per presentare nuove liste elettorali. Tale emendamento è chiaramente anticostituzionale perché modifica le ‘regole del gioco’ a ‘partita aperta’, quando mancano solo 45 giorni (dei sei mesi previsti) al termine della raccolta delle firme per il deposito delle liste elettorali. In questo modo non solo si privano le nuove liste delle esenzioni previste da una consolidata legislazione, ma gli si impedisce di organizzarsi per raccogliere l’abnorme numero di firme necessarie per presentarsi alle elezioni europee se non si è già presenti nei parlamenti nazionali o europei.

Questo numero di firme, invero, è stato dimezzato da 150.000 a 75.000 da un altro emendamento approvato successivamente, ma sempre troppo tardivo per permettere alle nuove formazioni politiche di potersi organizzare per la sottoscrizione. Non a caso una recente Raccomandazione Europea (n. 2829/2023 del 20/12/2023) sancisce che gli “elementi fondamentali della legge elettorale non dovrebbero poter essere modificati a meno di un anno dalle elezioni” sia per garantire il rispetto delle regole democratiche che per contrastare il fenomeno dell’astensionismo.

L’emendamento inserito nel decreto elettorale è un vero e proprio attacco alla democrazia che cerca di impedire l’accesso al gioco elettorale di nuove formazioni politiche, proprio in un momento in cui il tasso di astensionismo in Italia ha raggiunto punte elevatissime e preoccupanti. Per questo ci sono tutti gli estremi per un intervento correttivo del Capo dello Stato, che è l’unica istituzione titolata ad intervenire preventivamente per evitare di promulgare norme di legge chiaramente contrarie al Dettato costituzionale.”

Così ha dichiarato l’On. Gianni Alemanno, Segretario Nazionale del Movimento Indipendenza. La lettera al Presidente della Repubblica è stata inviata questa mattina con le firme di Gianni Alemanno, del prof. Massimo Arlechino, Presidente del Movimento Indipendenza, di Michele Geraci, ex sottosegretario del Governo Conte 1, degli ex parlamentari, Marcello Taglialatela, Fabio Granata, Franco Bevilacqua, Michele Rallo, e della responsabile del Dipartimento Giustizia, avv. Maria Grazia Martinelli.